Lunedì 12 dicembre 2016, dalle ore 06 alle ore 20, ai passeggeri in partenza sarà distribuito un volantino riepilogativo di quanto ammesso nel bagaglio a mano e in quello stiva, degli oggetti proibiti nonché delle corrette modalità da applicare prima di sottoposti ai controlli di sicurezza.
Si invitano i passeggeri a recarsi in aerostazione con congruo anticipo rispetto all’orario di partenza

Rimborso IVA

Sgravio dell’imposta per i soggetti domiciliati e/o residenti fuori dalla Comunità Europea.

In aeroporto è attivo il servizio relativo allo sgravio dell’imposta per i soggetti domiciliati e/o residenti fuori dalla Comunità Europea (tax-free), con procedura approvata dall’Agenzia delle Dogane.

La società autorizzata ad effettuare il servizio di tax-refund presente in aeroporto è:

 

MACCORP ITALIANA S.p.A.

Telefono: 035 19902557 (ufficio area arrivi)

Telefono: 035 19904219 (ufficio area partenze)

Link: http://www.forexchange.it

Il servizio “TAX FREE”, relativamente alle merci contenute nei bagagli da stiva e nei bagagli a mano, detta le seguenti condizioni essenziali per richiedere il rimborso dell’IVA sugli acquisti effettuati:

  • Il passeggero deve essere residente o domiciliato in un paese non appartenente all’Unione Europea;
  • Il valore complessivo degli acquisti effettuati deve essere dell’importo minimo previsto da ogni paese membro (per l’Italia il valore minimo è pari ad €. 154,90 IVA inclusa);
  • La merce deve essere destinata ad uso personale o familiare e trasportata nei bagagli personali (a mano o in stiva);
  • L’acquisto deve risultare da una fattura contenente la descrizione della merce, i dati anagrafici del richiedente e gli estremi del passaporto o di un documento equipollente;
  • La merce deve essere trasportata fuori dall’Unione Europea entro tre mesi dalla fine di quello in cui è stata acquistata;
  • La fattura deve essere restituita al venditore entro quattro mesi dalla fine di quello in cui è stato effettuato l’acquisto;
  • Al momento di lasciare la Comunità Europea, il passeggero deve mostrare la merce e la relativa documentazione all’Ufficio Doganale che apporrà il “VISTO” sulla fattura, a riprova dell’avvenuta uscita della merce dal territorio comunitario;
  • La merce oggetto del rimborso non deve essere utilizzata prima di lasciare il territorio della Comunità Europea.

Per quanto attiene gli articoli trasportati nei bagagli personali, si individuano le seguenti procedure, in relazione alla diversa tipologia del bagaglio:

BAGAGLIO DA STIVA: Il passeggero che, in fase di accettazione al check-in, avrà dichiarato la presenza di articoli nel bagaglio da stiva per i quali intende richiedere il servizio tax-free, a registrazione terminata, sarà invitato dall’operatore SACBO SpA a recarsi con il proprio bagaglio presso la postazione dell’Agenzia delle Dogane, allestita nelle immediate vicinanze dello “Ski.Point B”, per il disbrigo delle formalità doganali consistenti nel controllo visivo delle merci e l’apposizione delle prescritte attestazioni sulla documentazione commerciale. Al termine di tali operazioni il passeggero provvederà all’inserimento del bagaglio nello Ski-Point per il successivo inoltro al BHS; le suddette operazioni saranno eseguite sotto sorveglianza doganale. Per il rimborso dell’imposta, il passeggero potrà poi recarsi presso gli sportelli delle Società autorizzate ad effettuare il rimborso (tax-refund) presso l’aerostazione, oppure potrà scegliere di spedire la documentazione commerciale, utilizzando la busta pre-affrancata, tramite le caselle postali installate in adiacenza dell’ufficio della dogana situato in area extra-Schengen dopo i controlli passaporti. In alcun caso sarà effettuato il rimborso dall’Ufficio della Dogana. La suddetta postazione doganale sarà presidiata in concomitanza degli orari in cui sono aperti i check-in dei voli con destinazione extra-comunitaria.

BAGAGLIO A MANO: Il passeggero con merce a seguito (bagaglio a mano) potrà presentarsi presso l’Ufficio doganale ubicato in area extra-Schengen, immediatamente dopo le postazioni della Polizia di Frontiera, per espletare le formalità doganali connesse al tax-free. I funzionari della dogana effettueranno il riscontro della merce con la documentazione fiscale e dopo averne riscontrato la conformità provvederanno all’apposizione dei visti e delle attestazioni doganali su tale documentazione. Successivamente, il passeggero potrà depositare la busta preaffrancata, ricevuta al momento dell’acquisto della merce, contenente la suddetta documentazione, in una delle cassette allocate nei pressi dell’ufficio doganale, appositamente dedicate alle Società autorizzate al tax-refound. I viaggiatori in transito, muniti di un unico biglietto ma in possesso di doppia carta d’imbarco (through check-in), una per il primo volo nazionale o comunitario e l’altra per la successiva e definitiva destinazione extra-comunitaria, possono ottenere il visto doganale presso gli uffici della Dogana dell’aeroporto di partenza.